Associazione Italiana Volontari Stay Behind

Stay Behind, l’ultima Linea di Difesa, la Prima Linea di Resistenza della Democrazia e delle sue Istituzioni.
Abbiamo dato all’Italia parte della nostra vita per mantenere il nostro Paese al sicuro.

Stay Behind è il nome in codice delle operazioni di resistenza e raccolta informazioni, organizzate in tutta Europa dalla NATO in collaborazione con diverse agenzie di intelligence europee.

L’operazione è stata progettata per una potenziale invasione e conquista di una porzione o di tutto il territorio nazionale da parte di una potenza straniera.

L’Associazione intende riaffermare, difendere e diffondere le motivazioni ideali che, nel culto delle tradizioni patrie e nella fedeltà ai principi di libertà, di giustizia, di pluralismo democratico, ispirarono la volontaria e gratuita adesione degli appartenenti civili alla disciolta organizzazione militare speciale dipendente dallo Stato Maggiore della Difesa.

Ultime notizie

Prigionieri in paradiso di Vigilio Ilari

15 Febbraio 2024

News

“Prigionieri in Paradiso” (Prisoners in Paradise) è una vecchia canzone heavy metal della band svedese Europa: risale al 1991, e parla dell’aspirazione umana ad uscire dai limiti della propria condizione e del rimpianto per quel che ci si lascia alle spalle. Dieci anni dopo il titolo della canzone è stato preso in prestito per un […]

I patrioti della Stay Behind. La nostra storia. Silendo Libertatem Servo.

News

Un eroe silenzioso. I patrioti della Stay Behind non cercano visibilità per sé quindi chiedono di essere citati per nome, esattamente come facevano durante la loro attività svolta al servizio della Repubblica, pronti a difenderla anche con le armi! Giorgio, classe 1943 MEMORIE DI UN “GLADIATORE” DELUSO, NON PENTITO. Desidero incominciare queste mie poche righe […]

Grazie al Qatar, reazione positiva di Hamas all’accordo proposto per il rilascio degli ostaggi a Gaza

News

Il Qatar ha riferito di aver ottenuto un feedback “positivo” da Hamas riguardo a un’ipotesi di accordo che prevederebbe sia la liberazione degli ostaggi israeliani a Gaza che quella dei detenuti palestinesi in Israele, insieme a un prolungato cessate il fuoco e la fornitura di aiuti alla Striscia di Gaza assediata. Mohammed bin Abdulrahman al-Thani, […]