Associazione Italiana Volontari Stay Behind

Stay Behind, l’ultima Linea di Difesa, la Prima Linea di Resistenza della Democrazia e delle sue Istituzioni.
Abbiamo dato all’Italia parte della nostra vita per mantenere il nostro Paese al sicuro.

Stay Behind è il nome in codice delle operazioni di resistenza e raccolta informazioni, organizzate in tutta Europa dalla NATO in collaborazione con diverse agenzie di intelligence europee.

L’operazione è stata progettata per una potenziale invasione e conquista di una porzione o di tutto il territorio nazionale da parte di una potenza straniera.

L’Associazione intende riaffermare, difendere e diffondere le motivazioni ideali che, nel culto delle tradizioni patrie e nella fedeltà ai principi di libertà, di giustizia, di pluralismo democratico, ispirarono la volontaria e gratuita adesione degli appartenenti civili alla disciolta organizzazione militare speciale dipendente dallo Stato Maggiore della Difesa.

Ultime notizie

The Monument Men e La “Piccola Allodola” Signora dei Capolavori

13 Aprile 2024

News

Il 3 aprile 1903 nacque a Milano Fernanda Wittgens, una milanese incredibile, fu la prima donna italiana direttrice di un museo, antifascista quando si rischiava la vita ad esserlo, salvatrice dei capolavori di Brera dai bombardamenti e dai furti, insignita del titolo di “giusto delle nazioni” avendo salvato cittadini ebrei. Per questo ci è sembrato […]

Riunione del Consiglio Direttivo di Stay Behind e Omaggio al Presidente Onorario Franco Fabris

News

Il 25 maggio, a Cividale del Friuli si terrà la riunione del Consiglio direttivo dell’Associazione volontari Stay Behind, seguirà la cena sociale e il 26 maggio si terrà a Pontebba l’omaggio al Presidente onorario Franco Fabris.

I patrioti della Stay Behind. La nostra storia. Silendo Libertatem Servo.

News

Un eroe silenzioso. I patrioti della Stay Behind non cercano visibilità per sé quindi chiedono di essere citati per nome, esattamente come facevano durante la loro attività svolta al servizio della Repubblica, pronti a difenderla anche con le armi! Luciano, classe 1933 Ricordo di essere stato contattato dal Signor Pasquale nel settembre 1957. Poi, chi […]