Prigionieri in paradiso di Vigilio Ilari

“Prigionieri in Paradiso” (Prisoners in Paradise) è una vecchia canzone heavy metal della band svedese Europa: risale al 1991, e parla dell’aspirazione umana ad uscire dai limiti della propria condizione e del rimpianto per quel che ci si lascia alle spalle. Dieci anni dopo il titolo della canzone è stato preso in prestito per un documentario sulla storia dei 51.000 prigionieri italiani detenuti negli Stati Uniti e in particolare sui ricordi di sei superstiti che avevano sposato donne americane ed erano rimasti o erano ritornati a vivere vicino ai luoghi in cui erano stati prigionieri. L’autrice è Camilla Calamandrei Rudofsky, figlia di Mauro (1925-2010), docente di storia americana, giornalista freelance, corrispondente dell’Espresso e del Sole 24 Ore da Manhattan, dove viveva dal 1950 e cittadino americano nell’ultimo anno della sua vita. Lui pure, dunque, a suo modo un “prigioniero del paradiso”.

Per leggere l’articolo completo e le altre news aderisci all’associazione Stay Behind.

Archivio notizie