Estratto del verbale Consiglio Direttivo del 29/01/2011

Consiglio Direttivo riunitosi a Zoppola (PN)
Presenti

Consiglieri

n. 7

 

1 - Approvazione del verbale della seduta precedente.

Il verbale viene approvato all’unanimità.

2 - Deliberazioni in merito alla Organizzazione dell’Assemblea.

Dopo alcuni chiarimenti sulla parte logistica, si precisa che, come previsto dall’art. 2.6 del nostro regolamento, il diritto di voto è riservato esclusivamente ai soci che al 31/12/2010 erano in regola con il versamento della quota associativa 2010.

3 - Presentazione candidature, termine ultimo.

All’unanimità si delibera che le candidature dovranno pervenire al segretario entro l’8 aprile 2011 per iscritto, e-mail o telefonicamente, ferma restando la facoltà per ogni socio di candidarsi in sede di Assemblea.

4 – Riunione dei Delegati Regionali a Bologna.

La riunione è stata fissata per il 12 febbraio. Si auspicano numerose presenze.

5 - Deliberazioni in merito alla risposta alla mail di Inzerilli del 5 gennaio.

A tutti i soci cui era stata inviata da Inzerilli la e-mail del 5 gennaio è già stata inviata la comunicazione decisa dal Consiglio precedente. Un consigliere si dissocia dai contenuti della comunicazione perché, a suo avviso, contiene affermazioni non vere.

6 – Esame dei bilanci e delle collegate relazioni da presentare alla Assemblea.

Dopo avere esaminato il bilancio consuntivo 2010 e quello preventivo 2011 predisposti dal tesoriere, il Direttivo li approva all’unanimità, autorizzandone la distribuzione in sede di Assemblea.

7 - Deliberazione riguardante l’importo della quota associativa.

Il Direttivo decide di soprassedere alla discussione dell’argomento.

8 - Esame e deliberazione sulle domande di ammissione.

All’unanimità vengono accolte n°2 domande.

9 - Data e luogo del prossimo Direttivo.

Si concorda che il prossimo Direttivo sarà, in linea di massima e previa conferma, il 5 marzo, a Pordenone.

10 - Varie ed eventuali.

Si decide che i soci possano partecipare alle varie manifestazioni indifferentemente con il berretto od il basco.

Un consigliere si dichiara contrario alla decisione presa dal Consiglio precedente in merito alle modifiche allo Statuto. Chiede di porre in discussione i contenuti di una e-mail da lui inviata a tutti i consiglieri.

Un secondo consigliere ritenendo gravemente offensive per l’intero consiglio alcune parole nelle e-mail del consigliere di cui sopra, si allontana; altri due consiglieri concordano con lo stesso e si allontanano a loro volta.

Venuto a mancare di conseguenza il numero legale, la riunione viene dichiarata chiusa alle ore 12.10.